Ebay: un nuovo spedizioniere per le Pmi

Ebay: un nuovo spedizioniere per le Pmi

Il gruppo statunitense ha varato un servizio per le spedizioni, più rapido e più economico,in collaborazione con Packlink. L’obiettivo è sviluppare l’e-commerce in Italia, partendo dalle Pmi

Gestire con più facilità le consegne e abbattere le spese di spedizione anche del 40 per cento. Sono questi i principali obiettivi del nuovo gestore delle spedizioni, il servizio che eBay ha lanciato per sostenete le piccole e medie imprese in collaborazione con Packlink, compagnia leader nell’integrazione dei servizi di spedizione. La piattaforma consente a tutti i venditori che operano sul sito di e-commerce di gestire in modo più semplice e da un’unica sito tutte le spedizioni di eBay.

Ciò fa risparmiare tempo e permette di sfruttare le tariffe speciali offerte da corrieri selezionati. L’obiettivo del gruppo statunitense è potenziare lo sviluppo del commercio elettronico in Italia, partendo proprio dalla rete delle Pmi.

E-COMMERCE IN CRESCITA IN ITALIA

Per le aziende italiane, il nuovo servizio eBay costituisce un aiuto importante, anche in considerazione della grande crescita del commercio online. Basti pensare che, nell’ultimo anno, in Italia, l’e-commerce è cresciuto del 16 per cento e ha registrato una penetrazione nelle vendite retail pari al 4 per cento. Più di un’azienda su cinque, ormai, sente la necessità di un aiuto logistico per assicurare consegne in tempi rapidi e certi e poter entrare efficacemente nel mondo del commercio attraverso la rete.

L'EXPORT CONTINUA A CRESCERE

Ma chi ha bisogno del nuovo gestore di spedizioni? Realtà molto diverse le une dalle altre, accomunate da produzioni artigianali che, grazie a Internet, riescono a farsi conoscere e a raggiungere ogni angolo del Paese e del mondo. Al momento le Pmi italiane, attraverso l’e-commerce vendono fino all’80 per cento dei loro prodotti. E, a dispetto della crisi, continuano a crescere: nei primi nove mesi del 2015 l’export è cresciuto del 36 per cento, contro il 2 per cento inizialmente stimato dall’Istat.

IL RUOLO DI E-BAY PER LE IMPRESE ARTIGIANALI

Il 67 per cento di queste aziende, nella maggior parte dei casi a conduzione familiare, ha esportato, attraverso eBay, oltre 2 milioni di prodotti in 214 Paesi, secondo i dati rilasciati dal quartier generale del gruppo statunitense. Le destinazioni più frequenti per numero di prodotti venduti sono europee: Germania, Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Spagna e Svizzera. La classifica dei mercati per prezzo medio dei prodotti invece cambia, con la Cina in testa (spesa media di 163 dollari per oggetto), seguita da Arabia Saudita (132 dollari), Corea (124 dollari), Hong Kong e Taiwan (102 dollari). In questo quadro, per le Pmi poter contare su una logistica efficiente è sempre più vitale.

PERCHÉ ALLE PMI SERVONO TEMPI RAPIDI E CERTI DI CONSEGNA

«La logistica si rivela oggi per le aziende un fattore in grado di determinarne il successo», spiega Claudio Raimondi, general manager di eBay Italia. «Il consumatore italiano è sempre più esigente: avere l’oggetto desiderato in tempi rapidi e certi diventa un criterio di scelta fondamentale per chi compra. Nel nostro lavoro quotidiano per le Pmi, ci siamo impegnati per permettere a tutti i venditori, anche i più piccoli e quelli che si vogliono affacciare al mondo del commercio online, di essere più competitivi, grazie all’abbattimento di tempi e costi di gestione e spedizione». Attualmente eBay nel nostro Paese registra oltre 4,5 milioni di acquirenti attivi e 157 milioni nel mondo e più di 26mila venditori professionali.

15 dicembre 2015

Scrivi il tuo commento

0 COMMENTI