Facebook e small business: nuovo strumento per le PMI

Facebook e small business: nuovo strumento per le PMI

Lo small business investe su questo social. Francesca Capobianchi, che in Facebook si occupa di piccole e medie aziende ci spiega il perché

Più di 3 milioni di piccole e medie imprese in tutto il mondo investono attivamente su Facebook con un incremento, tra il 2014 e 2015, del 50%. In Italia, l’87% degli utenti del social ha una connessione con una piccola o media azienda e dove si contano 22 milioni di persone (20 milioni da mobile) collegate al network di Mark Zuckerberg.

L’Italia inoltre fa parte del gruppo delle cinque nazioni in cui la crescita è stata più significativa nell’ultimo anno con  Usa, Brasile, Inghilterra e Australia. Secondo i numeri del report fornito da Facebook “servizi”, “commercio locale” ed “e-commerce” sono le tre categorie di pagine che funzionano di più per lo small business. Ne parliamo con Francesca Capobianchi (nella foto), small and medium business community engagement market lead di Facebook.

Perché Facebook è uno strumento di web-marketing per promuovere il business delle PMI?

«In uno scenario dove il digitale è parte integrante della vita quotidiana delle persone e dell’economia, e dove le imprese, di ogni dimensione e settore, devono poter coglierne il valore per mantenere la propria competitività e crescere, Facebook rappresenta il partner strategico per le PMI che, solo in Italia, possono contare su un bacino di 22 milioni di persone connesse quotidianamente alla piattaforma, di cui 20 milioni da dispositivi mobili - numeri che al mese raggiungono i 27 milioni da desktop e i 25 milioni da mobile. Sono oltre 3 milioni le piccole e medie imprese in tutto il mondo che investono attivamente su Facebook, un numero in continua crescita, aumentato del 50% in solo un anno, che conferma la strategicità della piattaforma per il raggiungimento efficace degli obiettivi di business».

Quali vantaggi porta alle PMI il boom di Facebook mobile?

«Sempre più persone si rivolgono al web e ai propri dispositivi mobili per scoprire ed entrare in contatto con le aziende per loro più rilevanti, e, quindi, la visibilità online su mobile diventa cruciale per raggiungere il proprio target anche in mobilità. È significativo notare che i 3/4 delle Pagine di PMI attive su Facebook vengono visitate dalle persone tramite dispositivi mobili e che oltre un milione di inserzionisti crea un annuncio pubblicitario direttamente da un dispositivo mobile. Oltre al mobile, sono sempre più le aziende che fanno uso di video come strumento di valore per coinvolgere in modo creativo il proprio target: il numero di video postati per persona è infatti cresciuto del 90% in Italia, e, a livello globale, le visualizzazioni video quotidiane hanno raggiunto gli 8 miliardi e più del 75% dei video visualizzati su Facebook vengono fruiti da mobile».

Quali sono i tool che Facebook mette a disposizione delle imprese?

«Le PMI scoprono Facebook come strumento di business perché sanno come usarlo personalmente, poiché aprire una pagina è facile quanto aprire un nuovo profilo e consente all’impresa di essere scoperta e connessa con i consumatori in modo rilevante e mirato. Facebook consente di pianificare campagne di marketing flessibili e altamente targettizzate che permettono di raggiungere sia il vasto pubblico di persone presenti sulla piattaforma – 27 milioni ogni mese solo in Italia – ma anche di scegliere un target altamente personalizzato ed efficace, con una precisione e accuratezza superiore al mercato. Inoltre, mettiamo a disposizione dei professionisti del marketing approcci di misurazione che offrono agli inserzionisti la capacità di determinare con precisione il business generato dalle inserzioni su Facebook e a prendere decisioni di marketing future sulla base di queste informazioni».

Parola d’ordine: storytelling. Quale strumento usare?

«Per rispondere alla necessità delle imprese di avere a disposizione strumenti sempre più efficaci, Facebook ha sviluppato il tool Your Business Story, in grado di offrire alle imprese la possibilità di creare in modo semplice e immediato dei video che raccontino la propria storia di business, per un più efficace storytelling del brand, attraverso l’integrazione di immagini, musica e testi».

Quanto spendere per promuovere la propria azienda su Facebook?

«Dipende dal risultato che si vuole ottenere. Le singole azioni possono infatti essere guidate da necessità differenti e per ognuna di queste Facebook offre soluzioni specifiche e personalizzate. È possibile creare inserzioni mirate per destinatari diversi, impostare un budget definito e misurare i risultati sui vari dispositivi. Chi sceglie di investire sulla piattaforma ha il pieno controllo del budget, con la possibilità di scegliere un limite giornaliero per un'inserzione o un importo totale per una campagna, senza prevedere necessariamente grandi investimenti».

Popolazione web e social in Italia e nel Mondo nel 2015 (dati WeAreSocial)

Facebook e small business: nuovo strumento per le PMI
12 aprile 2016

Scrivi il tuo commento

0 COMMENTI