Danhera: la casa verde è anche di lusso

Danhera: la casa verde è anche di lusso

Un’imprenditrice marchigiana punta sui cosmetici domestici che rispettano l’ambiente

Partire da un piccolo borgo delle Marche per brevettare un prodotto unico e sfidare la concorrenza di un gigante americano. È la sfida dell’imprenditrice Daniela Ciaffardoni, che, dopo aver creato il gruppo Ecoline group, ha deciso di lanciarsi nel mondo dei cosmetici per la casa, con Danhera, una linea che usa la pesca nettarina per sgrassare le superfici, gli agrumi del Mediterraneo per pulire i pavimenti, la cipria rosa per lavare i capi in seta.

GLI ESORDI COMMERCIALI

Il progetto è nato per mettere fine all’equazione pulizia della casa uguale fatica. E per realizzare una linea cosmetica ben diversa dai tradizionali detersivi in commercio nei supermercati. Il tutto da Porto Sant'Elpidio, provincia di Fermo. «Ho cominciato con Ecoline, che si occupa di pulizia professionale, nel 1982», racconta Ciaffardoni. «Da qui ha preso il via tutta la nostra storia. Assieme a un gruppo di giovani abbiamo mosso i primi passi in ambito commerciale. Poi, piano piano, abbiamo allargato il nostro progetto fino a creare un'azienda che usa le più moderne tecnologie nel campo del cleaning professionale».

BEAUTY PER LA CASA

Il passo successivo è stato esplorare il beauty per la casa. «Il progetto è nato da una mia personalissima esigenza di voler fondere tecnologia con glamour e profumi», racconta l’imprenditrice marchigiana. «Così abbiamo creato questa linea di prodotti non solo efficaci, ma anche ecologici. L'obiettivo è creare benessere anche durante (e dopo) la pulizia della casa con detergenti biodegradabili e biocompatibili. E trasformare i prodotti in un piacere anche per i sensi». La linea è nata nel 2014, quando il marchio è stato registrato in tutto il mondo. La presentazione ufficiale è avvenuta nel corso della Biennale di Venezia, nell’agosto 2014.

LA PULIZIA DIVENTA VERDE E PIACEVOLE

«Sono 30 anni che mi muovo in questo settore: il concetto di pulizia è sempre stato vissuto in modo grigio, quasi punitivo», sostiene Ciaffardoni. «Per me è sempre stato un cruccio. Volevo che fosse diverso. Così ho cercato di estendere il piacere che si prova a prendersi cura di se stessi alla cura del posto nel quale si vive».

IL SEGRETO NEGLI INGREDIENTI

Il segreto di questi prodotti sta tutto negli ingredienti. «Contengono tensioattivi di derivazione vegetale», spiega Ciaffardoni. «Abbiamo selezionato prodotti che non solo hanno specifiche caratteristiche dal punto di vista chimico, ma rappresentano l'Italia del mondo». Per esempio il cedro del Cilento o il bergamotto calabro. «Derivando dalla famiglia del limone hanno un ottimo potere sgrassante», prosegue l’imprenditrice. « Ma allo stesso tempo garantiscono profumazioni gradevoli e originali».

I DETERGENTI CON LE CIGLIA

Il processo produttivo è complesso: «Innanzi tutto usiamo soltanto gli estratti dei frutti. Una volta messa a punto la formula chimica del detergente, vengono aggiunti i tensioattivi di derivazione vegetale. Si tratta di prodotti unici, almeno nel panorama italiano. Questo perché non produciamo detersivi, poiché sono prodotti privi della componente abrasiva. Creiamo invece prodotti a base di molecole ciliari sospensivanti. Si tratta di particelle dotate di piccole ciglia nelle quali lo sporco si incastra, senza che sia necessario graffiarlo via».

PER UOMINI E DONNE ADULTI

Il target dei consumatori è molto vario. «Ci rivolgiamo a persone fra 30 e 60 anni, sia uomini sia donne», conclude Ciaffardoni. «Siamo nel segmento luxury, quindi si tratta di prodotti di fascia alta che non sono distribuiti nella grande distribuzione. Si trovano nei negozi specializzati, nei monomarca e su Internet. Ora puntiamo a far crescere la distribuzione, completando la sezione inglese della nostra boutique online. Inoltre stiamo terminando lo showroom e sviluppando nuove fragranze in collaborazione con catene alberghiere di alto livello. Entro il 2016 speriamo di arrivare all'estero».

24 febbraio 2016

Scrivi il tuo commento

0 COMMENTI